Liceo Mazzini

Volontariato

“Scuola e volontariato”: In una società sempre più divisa la scuola è ormai riconosciuta come il luogo privilegiato per promuovere l’integrazione sociale e il confronto tra culture diverse. All’interno delle istituzioni scolastiche le organizzazioni di volontariato possono svolgere una funzione di socializzazione tra i diversi strati sociali. Il progetto “Scuola e Volontariato” si propone di avvicinare i giovani studenti al mondo della solidarietà, con i seguenti obiettivi: collegare il mondo della scuola con quello del volontariato, costruire legami all’interno della comunità locale, incentivare l’acquisizione di competenze sociali favorendo la partecipazione e il rapporto con la diversità. Molto importante è l’apporto dei partner esterni: dall’anno scolastico 2009-2010 i progetti sono elaborati in collaborazione con associazioni di volontariato particolarmente qualificate e attive nel territorio, come: Vivere insieme, Associazione centro d’ascolto Caritas, Associazione volontari di crescita comunitaria, Associazione point provinciale del Servizio civile. La referente del progetto è la prof. Parentini.

 “Uno sguardo sul Terzo mondo”: Da diversi anni gli studenti del liceo collaborano con i frati francescani di Gaggiola, in collegamento con la missione S. Francesco di Kayongozi (Burundi), che ospita malati di lebbra e piccoli orfani di guerra. I giovani studenti prendono parte con attività di volontariato all’allestimento della fiera di Sant’Antonio e della mostra-mercato natalizia, che propone oggetti dell’artigianato africano tra cui le creazioni del popolo Batwi. I proventi ricavati da queste iniziative sono devoluti alla missione africana. Impegnandosi in queste attività i ragazzi dimostrano che è possibile uscire dall’indifferenza e imparano a conoscere alcuni aspetti della cultura africana (arte, artigianato, ambiente), come suggerisce l’approccio didattico interculturale

“Povertà dietro l’angolo”: il progetto si propone di sensibilizzare gli studenti alle politiche di sostegno ai più bisognosi, sia in località lontane che nella propria città o nel proprio quartiere; si prefigge anche l’obiettivo di contribuire all’integrazione degli immigrati attraverso attività di informazione e formazione che aiutino a migliorare la capacità di risposta del territorio ai bisogni primari della popolazione.

“Alla mensa del povero: il progetto promuove la cittadinanza attiva e sollecita nei giovani allievi una riflessione sulle emergenze sociali della nostra città, coinvolgendoli nella distribuzione di pasti caldi presso la mensa dei Frati minori del convento di san Francesco.

“Stage presso TLS”: il progetto promuove la formazione alle tecniche e al linguaggio dei media per alcuni studenti del liceo, che saranno introdotti nelle attività di un’emittente televisiva locale; i ragazzi parteciperanno alle riprese di trasmissioni e apprenderanno tecniche di montaggio, giornalismo televisivo e computer grafica.

”Il nostro Natale”: ogni anno in occasione delle festività natalizie l’atrio del liceo si veste a festa con albero, presepe e gioiose decorazioni. Per richiamare i valori di pace e fratellanza del Natale gli studenti raccolgono fondi allestendo una bancarella di economici oggetti da regalo, per sostenere progetti di adozione a distanza.

In collaborazione con l’ente Provincia della Spezia, adesione ai progetti dei contenitori “Anche tu, per esempio” e “Anche tu volontario”: selezione di studenti o ex studenti per esperienze di volontariato nel nostro territorio o per  settimane di volontariato all’estero. Referente di questi due progetti è la prof. Anselmi.

“Banca del tempo”: il progetto, realizzato in collaborazione con il Laboratorio di quartiere Umberto I, propone un percorso formativo (12 incontri) finalizzato alla creazione di un gruppo di persone capaci di attivare la Banca del Tempo (referente prof. Lari).

“Diamo una mano”: è un progetto socio educativo di sostegno alle famiglie, che coinvolge studenti delle classi terze e quarte in un’attività di doposcuola pomeridiano per i bambini della primaria di via Napoli (referente prof. Lari).

image_pdfimage_print