Liceo Mazzini

ME LO HA DETTO MIO CUGINO …PREMIO NOBEL

Scienza, pseudoscienza e principio di autorità

 

Il giorno 13 maggio, dalle ore 10.30 alle ore 12.30, Silvano Fuso incontrerà gli studenti del liceo “G. Mazzini” di La Spezia. Nel corso dell’incontro verranno affrontate diverse tematiche che hanno come denominatore comune la scienza, la corretta informazione scientifica e i pericoli legati alla diffusione delle pseudoscienze.

In un epoca dominata dalle nuove e potenti tecnologie dell’informazione, è ben noto il rischio legato alle cosiddette fake news. In ambito scientifico la diffusione di false notizie può influenzare negativamente sia il comportamento dei singoli individui che dell’intera collettività, portando a scelte totalmente irrazionali e in contrasto con le evidenze fattuali.

Le false affermazioni scientifiche spesso vengono accettate in modo acritico, basandosi sul sentito dire, sulla fama e la popolarità di chi le sostiene o sul numero di persone che le condividono. Nell’incontro si sottolineerà come nella scienza non valga alcun principio di autorità. Neppure il premio Nobel è un vaccino contro le cantonate: non conta l’ipse dixit, contano solo le evidenze concrete!

 

Rispondendo alle domande degli studenti e stimolando le loro capacità critiche, il relatore cercherà di far comprendere quanto sia importante il metodo scientifico e di mostrare come qualsiasi confronto di idee, fulcro di ogni democrazia, non possa però prescindere da una cosa fondamentale: il rispetto fatti!

 

Note sul CICAP

 

Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) è un’organizzazione scientifica ed educativa fondata nel 1989 su iniziativa del giornalista e divulgatore scientifico Piero Angela, per arginare la diffusa tendenza dei media a diffondere notizie sensazionalistiche su presunti fenomeni paranormali e pseudoscienze, non dimostrate. Al CICAP aderiscono o hanno aderito, tra gli altri, i premi Nobel Carlo Rubbia e Rita Levi Montalcini, il fisico Tullio Regge, l’astronoma Margherita Hack, il farmacologo Silvio Garattini, lo scrittore Umberto Eco, il genetista Edoardo Boncinelli, l’oncologo Umberto Veronesi e il neuroscienziato Giacomo Rizzolatti.

 

Nota sul relatore:

 

Silvano Fuso è dottore di ricerca in scienze chimiche, docente di chimica e si occupa di didattica e divulgazione scientifica. Collabora con diverse riviste e siti Internet e ha pubblicato numerosi volumi. Tra i più recenti testi divulgativi ricordiamo: La falsa scienza. Invenzioni folli, frodi e medicine miracolose dalla metà del Settecento a oggi (Carocci, Roma 2013), Chimica quotidiana. Ventiquattro ore nella vita di un uomo qualunque (Carocci, Roma 2014, vincitore del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2014 per le scienze matematiche, fisiche e naturali), Naturale = buono? (Carocci, Roma 2016, vincitore del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2016 per le scienze della vita e della salute), Energie misteriose. Viaggio tra scienza e non scienza (C1V, Roma 2016), Le ragioni della scienza. Perché ci si può fidare del sapere scientifico (C1V, Roma 2017), Strafalcioni da Nobel. Storie dei vincitori del più prestigioso premio del mondo e delle loro più solenni cantonate (Carocci, Roma 2018), L’alfabeto della materia. Viaggio nel mondo degli elementi chimici (in corso di pubblicazione per Carocci, Roma).

È socio effettivo del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze), della Società Italiana per il Progresso delle Scienze e della Società Chimica Italiana. È inoltre membro del Consiglio Scientifico del Festival della Scienza di Genova.

Il 27 gennaio 2013 è stato intitolato a suo nome l’asteroide 2006 TF7, in orbita tra Marte e Giove.

image_pdfimage_print